Unhappy Meal: l'Italia indaghi su McDonald's

McDonald’s non è nota solo per i suoi hamburger e le patatine fritte, il gigante americano del fast food fonda il suo modello di business anche su un altro prodotto, le sedi all’estero, in paesi come il Lussemburgo.

Una soluzione che avrebbe consentito alla multinazionale di evadere oltre un miliardo di euro di tasse in Europa - e principalmente in Francia, Italia, Spagna e Regno Unito - nei cinque anni tra il 2009 ed il 2013.

Per questo chiediamo all’Agenzia delle Entrate di aprire subito un’indagine per accertare i fatti. Chi evade deve pagare.

Anche in Italia le pratiche di McDonald’s potrebbero aver generato un’evasione di imposte stimata in circa 74,7 milioni di euro.

Nel nostro Paese McDonald’s rischia multe fino a 224 milioni di euro, come hanno denunciato all’Agenzia delle Entrate tre associazioni di difesa dei consumatori, Codacons, Cittadinanzattiva e Movimento Difesa del Cittadino. 

Il colosso del fast food nega ma intanto l’Unione Europea ha aperto un’indagine e lo stesso hanno fatto anche la Francia, la Spagna e il Brasile.

L’Italia ancora no.

Chiediamo all'Agenzia delle Entrate di aprire subito un'indagine.

La denuncia

Codacons, Cittadinanzattiva e Movimento Difesa del Cittadino, hanno presentato un esposto contro il gruppo McDonald’s per presunta violazione delle norme fiscali e tributarie vigenti nel nostro paese.

La denuncia chiede alle istituzioni italiane di indagare su una possibile elusione fiscale a vantaggio di una società del gruppo con sede principale in Lussemburgo e sede secondaria in Svizzera, realizzata fra il 2009 e il 2013. Se accertata potrebbe portare nelle casse dello Stato fino a 224 milioni di euro.

È un’associazione nata nel 1986 ed è oggi una delle più importanti tra le associazioni consumeristiche. Codacons è un’associazione autonoma con associati individuali e con un’organizzazione articolata in varie sedi sparse su tutto il territorio nazionale.

L'associazione ha quale sua esclusiva finalità quella di tutelare con ogni mezzo legittimo, ed in particolare con il ricorso allo strumento giudiziario, i diritti e gli interessi di consumatori ed utenti nei confronti dei soggetti pubblici e privati e di erogatori di beni e servizi anche al fine di contribuire ad eliminare le distorsioni del mercato determinate da abusi e da reati contro la Pubblica Amministrazione.

http://www.codacons.it/

È un’organizzazione, fondata nel 1978, che promuove l’attivismo dei cittadini per la tutela dei diritti, la cura dei beni comuni, il sostegno alle persone in condizioni di debolezza.

La sua missione fa riferimento all'articolo 118, ultimo comma, della Costituzione, proposto proprio da Cittadinanzattiva e recepito nella riforma costituzionale del 2001. L’articolo 118 riconosce l'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale e, sulla base del principio di sussidiarietà, prevede per le istituzioni l’obbligo di favorire i cittadini attivi.

http://www.cittadinanzattiva.it/

È un’associazione di consumatori indipendente da partiti e sindacati, nata a Roma nel 1987. Ha l’obiettivo di promuovere la tutela dei cittadini, con particolare attenzione ai diritti nei confronti delle istituzioni e dei consumatori, per tutto ciò che riguarda acquisti e consumi.

MDC garantisce consulenza e assistenza diretta a cittadini e consumatori, offrendo il sostegno di esperti e una tutela legale per le controversie con la Pubblica Amminstrazione e con i gestori dei servizi pubblici e privati. MDC partecipa alle audizioni delle autorità di garanzia, siede ai tavoli di confronto con istituzioni e aziende, comitati, commissioni, arbitrati, osservatori e forum.

http://www.difesadelcittadino.it/

Photo credits: Chris Ford